Posts contrassegnato dai tag ‘Omosessualità’

Il Cardinale Arcivescovo di Bologna interviene a proposito delle dichiarazioni del Sindaco sul riconoscimento di matrimonio e adozioni per le coppie omosessuali

Le affermazioni fatte dal Sindaco di Bologna riguardanti il matrimonio e diritto all’adozione per le coppie gay sono di tale gravità, che meritano qualche riflessione.

Quanto da lui profetato come ineluttabile destino del Paese a diventare definitivamente civile riconoscendo alle coppie omosessuali il diritto alle nozze e all’adozione è una battuta a braccio che costa poco: tanto non dipende dal Sindaco. Ma ciò non toglie la gravità di tale pubblica presa di posizione da parte di chi rappresenta l’intera città. E dove mettere il cittadino che non per fobia ma con motivate ragioni ritiene matrimonio ciò che è stato definito tale fin dagli albori della civiltà o ritiene non si possa parlare di un diritto ad adottare ma del diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre?

Davvero questo cittadino, con la sua cultura e le sue ragioni, è da giudicare incivile e fuori dalla storia, condannato a sentirsi estraneo in casa sua, perché non riesce a stare al passo del sedicente progresso?

Naturalmente ci sarà chi, riempiendosi la bocca di laicità dello Stato (che è cosa ben più seria!), ci accuserà di voler imporre una dottrina religiosa. Ma qui non c’entra religione o partito, omofobia o discriminazione: sono i fondamentali di una civiltà estesa quanto il mondo e antica quanto la storia ad essere minati; e forse non ci si accorge dell’enormità della posta in gioco.

Affermare che omo ed etero sono coppie equivalenti, che per la società e per i figli non fa differenza, è negare un’evidenza che a doverla spiegare vien da piangere. Siamo giunti a un tale oscuramento della ragione, da pensare che siano le leggi a stabilire la verità delle cose. Ad un tale oscuramento del bene comune da confondere i desideri degli individui coi diritti fondamentali della persona.

+ Carlo Card. Caffarra

Arcivescovo di Bologna

1° luglio, 2013

Annunci

La Manif Pour Tous

Pubblicato: 29 maggio 2013 in culture, politics
Tag:

tous-nes-dun-homme-et-dune-femme

I buchi sbagliati

Pubblicato: 9 dicembre 2008 in Uncategorized
Tag:,

Conversando con alcuni giornalisti durante una visita in Nigeria il Dalai Lama ha osservato che «è naturale, come esseri umani, provare qualche tipo di desiderio sessuale, ma poi devi usare l’intelligenza umana per comprendere che quelle relazioni sono sempre piene di guai». Coerentemente con la predicazione buddista che ammonisce gli uomini ad evitare le passioni terrene e carnali per raggiungere il Nirvana, il leader religioso tibetano ha asserito che «l’astinenza sessuale dà più indipendenza e più libertà». Ancor più pericoloso del sesso è il matrimonio, ha aggiunto, perché può portare «al suicidio o all’omicidio», e «il troppo attaccamento ai figli o al proprio partner è un ostacolo alla pace mentale». Si potrebbe discutere a lungo sulle affermazioni del leader religioso e dilungarsi in approfonditi excursus culturali sulle diversità tra l’Oriente e l’Occidentale cristiano, ma non è questa la sede. Rimane invece la non piccola curiosità di capire perché la nostra stampa quando i cattolici parlano di castità li taccia come retrogradi, mentre se parla il Dalai Lama persino l’ultimo bollettino di paese si prodiga in dotte spiegazioni sul come intendere correttamente gli insegnamenti del Buddha. Così, tanto per la cronaca, vorremmo capire come farebbero a giustificare quest’altra opinione del sant’uomo a proposito dei rapporti gay: «No assoluto. Senza sfumature. Una donna mi ha presentato un’altra donna come sua moglie: sconcertante. Al pari dell’uso di certe pratiche sessuali fra marito e moglie. Usare gli altri due buchi è sbagliato».
(da Tempi)