Archivio per la categoria ‘people’

Kayla

Pubblicato: 12 febbraio 2015 in people

Kayla

Il 10 febbraio, la Casa Bianca ha confermato la morte della volontaria americana Kayla Mueller ostaggio dell’ISIS, la sua famiglia ha diffuso una lettera che gli aveva fatto arrivare durante la prigionia

A tutti voi, se avete ricevuto questa lettera significa che sono ancora prigioniera ma che i miei compagni di cella (a partire dal 2 novembre 2014) sono stati liberati. Ho chiesto loro di contattarvi e darvi questa lettera. È dura trovare qualcosa da dire. Sono in un posto sicuro e sto bene (ho persino messo su peso); sono stata trattata con rispetto e la massima gentilezza. Volevo scrivervi una lettera fatta come si deve ma non so quando se ne andranno i miei compagni, se tra giorni o tra mesi, quindi potrei non avere molto tempo; inoltre riesco a scrivere solo un paragrafo alla volta perché soltanto pensare a voi mi fa piangere.

Se si può dire che ho “sofferto”, in tutta questa esperienza, è solo per la consapevolezza della sofferenza a cui vi ho costretti; non vi chiederò mai di perdonarmi, dato che non merito perdono. La mamma mi ha sempre detto che alla fine della fiera quello che ti resta sempre davvero è Dio. Sono arrivata a quel punto in cui, in tutti i sensi, mi sono arresa al nostro creatore, perché non c’è letteralmente nessun altro… e grazie a Dio e alle vostre preghiere mi sono sentita teneramente cullata in questa caduta libera. Nelle tenebre mi è stata mostrata la luce e ho imparato che persino in prigione una persona può essere libera. (altro…)

Annunci

Te Deum

Pubblicato: 28 dicembre 2013 in people, religion

Dio, ti ringrazio per tutte le volte in cui quest’anno che è passato non ho funzionato. Per quando sono stata di cattivo umore, offesa, triste, arrabbiata, inadeguata, malevola. Ti ringrazio perché non è stato un caso, una malaugurata coincidenza o un inciampo. Il problema è che io proprio non funziono bene. Ho un difetto di fabbricazione, qualcosa all’origine, ma ormai, come dice mio marito, mi è scaduta la garanzia, e dovrò vedere di combinare qualcosa lo stesso, con quello che ho. Dovrò cucinare con quello che c’è in frigo, e vedere di tirarne fuori un piatto decente. Ti ringrazio perché il mio non funzionare mi ricorda cosa vuol dire che tu sei il Salvatore. Vuol dire che tu non sei una ciliegina sulla mia torta, ma sei proprio la torta, colui che ci fa vivere, essere felici. Ti ringrazio perché ho atteso questo Natale al grido di arrivano i nostri, come chi sta sull’orlo di un precipizio, ed ha bisogno, un bisogno vero e vitale di essere salvato. (altro…)

Io gli sputo addosso

Pubblicato: 28 agosto 2013 in people

TestoriLe sembro scorato? Sono invece incazzato, molto incazzato e molto indignato.

Quando vedo certi industriali e certi intellettuali, che hanno avuto tutto, che hanno preso tutto vendendosi a questa specie di marxismo allo champagne e che ora sono i capofila nel ricostruire il senso civile sulla cui disgregazione hanno costruito la loro carriera e i loro conti correnti, ebbene io grido che non ci sto.

Questa è gente che non è mai stata con chi soffre e con chi ha bisogno.

Io gli sputo addosso.

Giovanni Testori